Pubblicato in: recensioni, Romantici

La verità è che non ti odio abbastanza

img_20200504_2200574470829220048274588.jpg

L’AUTRICE

Felicia Kingsley è nata nel 1987, vive in provincia di Modena e lavora come architetto. Matrimonio di convenienza, il suo primo romanzo inizialmente auto-pubblicato, ha riscosso grande successo in libreria con Newton Compton ed è diventato il secondo ebook più letto del 2017.

Stronze si nasce, Una Cenerentola a Manhattan e Due cuori in affitto sono stati nella classifica dei bestseller per settimane.

TRAMA

Lexi è una principessa, non delle favole, ma dell’Upper East Side. La sua vita perfetta da facoltosa ereditiera di un impero finanziario scorre tra feste esclusive e shopping sfrenato nel quartiere più lussuoso di New York.

A ventisette anni ha già la certezza di un futuro luminoso, di aver vinto la partita, almeno finché un affascinante sconosciuto non le cambia le carte. Il principe azzurro? No, è Eric Chambers, detective di punta dell’FBI, che sta indagando su una truffa miliardaria in cui è coinvolta la famiglia Sloan, venuto a spodestarla dal suo trono.

Tanto attraente quanto ruvido e poco disponibile, Eric la reputa viziata e superficiale, e la tratta con distacco e indifferenza. Tra i due è subito guerra. Con tutti i suoi beni confiscati, Lexi si ritrova in mezzo a una strada da un giorno all’altro, ma lei non ha nessuna intenzione di rimanerci. Anzi!

Se Eric le ha tolto tutto, dovrà essere lui ad aiutarla e Lexi non accetterà un no come risposta, almeno finché non sarà riuscita a riabilitare il nome della sua famiglia, anche perché lei sarebbe una preziosa risorsa per le indagini.

Riusciranno l’ereditiera che cuoce i toast usando il ferro da stiro e l’integerrimo detective di Brooklyn a collaborare senza scannarsi? O senza… innamorarsi?

 

♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦♦

Spumeggiante, ironico, divertente: Felicia Kingsley non sbaglia un colpo.

VOTO

san-antonio-affordable-handyman-service-five-star-rating-heritage-property-preservation

Pubblicato in: Classici, recensioni

Il Visconte Dimezzato

 

s-l1600

L’AUTORE

Italo Calvino è stato uno scrittore e partigiano italiano.

Intellettuale di grande impegno politico, civile e culturale, è stato uno dei narratori italiani più importanti del secondo Novecento.

I numerosi campi d’interesse toccati dal suo percorso letterario sono meditati e raccontati attraverso capolavori quali la trilogia de I nostri antenatiMarcovaldoLe cosmicomicheSe una notte d’inverno un viaggiatore, uniti dal filo conduttore della riflessione sulla storia e la società contemporanea.

 

TRAMA

La bizzarra storia del visconte Medardo di Terralba che, colpito al petto da una cannonata turca, torna a casa diviso in due metà: una cattiva, malvagia, prepotente, ma dotata di inaspettate doti di umorismo e realismo; l’altra gentile, altruista, buona, o meglio buonista.

 

Cavalcava la pianura tra gli stormi di cicogne
Munito d’un cavallo e uno scudiero
In Boemia era diretto e li la guerra contro i turchi
Gia cosparso avea la terra di carogne
Al mattino successivo cominciava la battaglia
Pensava al nuovo grado di tenente
Scintillavano i suoi occhi tra paura ed entusiasmo
Era giovane Medardo di Terralba
E dall’alto della sella scorse due artiglieri turchi
Puntare contro il fuoco d’un cannone
L’inesperto cavaliere che copriva l’obiettivo
Fece un salto in aria con un colpo in petto
Alla sera lo raccolsero sul carro dei feriti
Mutilato interamente alla sinistra
Ed il giorno successivo dopo sconce operazioni
Con stupore dei dottori respirava
Al ritorno in terra propria nel mantello nero avvolto
Portò con se malvagia e cattiveria
Fece un torto uccidendo un volatile del padre
Che seguì nel sonno il povero animale
Gli abitanti del castello se ne accorsero in quel tempo
Che l’uomo aveva perso ogni bontà
Incendiava gente e case di ugonotti ed appestati
Coronando una miriade di condanne
Solamente una gran donna la sua balia Sebastiana
Rimproverava tutti i suoi misfatti
Ma l’insana crudeltà giunse presto e la sua sorte
Fu l’esilio nel paese dei lebbrosi
L’abitudine a quel male di brutalità e follie
Facea vegliar la notte sentinelle
Mai nessuno compativa la sua giovinezza offesa
Che temevano anche i cari più vicini
Ma un fanciullo che dormiva sopra il bordo d’un torrente
Sentì la mezza ombra sulla testa
Mentre un ragno scivolava sopra il collo del ragazzo
Quella sola mano ne procurò il morso
Sotto il suo mantello nero con il suo mezzo sorriso
Salutò affettuosamente suo nipote
Che si accorse sbalordito di quel nuovo atteggiamento
E che la mano gonfia era la sinistra
Dopo un po’ fu noto a tutti l’altro mezzo è ritornato
A portare aiuto a chi era disperato
A soccorrere i più poveri regalando carità
A fermare le violenze ed i peccati
Ma la virtù del buon mancino era troppo disumana
Predicava ai vecchi di non lavorare
Disturbava le abitudini e le vite della gente
Che non sopportava neanche il mezzo buono
Questa storia prende svolta come tante volte accade
Per mano di una giovane fanciulla
Che riuscì a farsi contendere da due metà divise
Da quell’uomo che portava cuori opposti
Era scalza grassottella e vestiva sempre rosa
Rifiutava le due anime contrarie
L’uomo buono era pietoso quanto l’altro era crudele
Non voleva rovinarsi l’esistenza
La ragazza era scocciata e con un gesto d’imprudenza
Decise di sposarli tutti e due
Ma di farlo all’insaputa dei due mezzi cavalieri
Che incrociarono i due occhi sull’altare
Si lanciarono una sfida in un duello regolare
Con entrambe mani armate d’una spada
Così l’uomo combatteva contro la sua stessa parte
E poi cadde a terra in un bagno di sangue
Ora il corpo dei feriti sotto ardue cuciture
Sottoposte dal dottore del castello
Dopo giorni di pazienza tra gli sguardi sempre incerti
Sotto gli occhi dell’amata prese vita
La sua vita fu felice molti figli e un buon governo
E per quello che gli accadde fu il più saggio
Più non c’era cattiveria più non c’era troppa pena
Ma di tutt’e due portava l’esperienza

 Villazuk

 

Il visconte dimezzato è quindi un romanzo allegorico, ricco di metafore, di simboli e di spunti di riflessione. Una storia reale nella più totale assurdità raccontata con ironia e con l’intento di divertire.

Calvino ci regala riflessioni e considerazioni profonde sulla bontà, sulla cattiveria, sul fatto che in ogni uomo convivono più sfaccettature e che tutto questo arricchisce e rende unico ogni essere umano, oltre a farci meditare su come il tutto stroppia perché anche le virtù più eccellenti portate all’estremo rischiano di non esser più così encomiabili.

 

VOTO

san-antonio-affordable-handyman-service-five-star-rating-heritage-property-preservation

 

”Tutti ci sentiamo in qualche modo incompleti” disse Calvino in un’intervista “tutti realizziamo una parte di noi stessi e non l’altra.”

 

Pubblicato in: recensioni

Non Buttiamoci Giù

NON BUTTIAMOCI GIÙ
Disponibile su Amazon

 

L’AUTORE

Nick Hornby  è uno scrittore e paroliere inglese. È noto soprattutto per il suo libro di memorie Fever Pitch e per i romanzi Alta Fedeltà e About a Boy, tutti adattati ai film.

Il lavoro di Hornby tocca spesso musica, sport e la natura senza scopo e ossessiva dei suoi protagonisti. I suoi libri hanno venduto oltre 5 milioni di copie in tutto il mondo a partire dal 2018.

In un sondaggio del 2004 per la BBC, Hornby è stato nominata la 29a persona più influente nella cultura britannica.

 

 

TRAMA

La notte di Capodanno, in cima a un palazzo di Londra, si incontrano per caso quattro sconosciuti. Non hanno nulla in comune, tranne l’intenzione di buttarsi giù, ognuno per i suoi buoni motivi.

Martin è – o meglio, era – un famoso conduttore televisivo, che si è giocato carriera, famiglia e reputazione andando a letto con una quindicenne. Farla finita, per lui, è una scelta logica e razionale.

I suoi metodici preparativi vengono interrotti dall’arrivo di Maureen, una donna che ha dedicato la sua vita a un figlio gravemente disabile, e che ha deciso di darci un taglio.

La terza a salire sul tetto è Jess, un’adolescente sboccata e straordinariamente molesta. Vuole buttarsi perché il ragazzo di cui è invaghita non vuole più saperne di lei.

L’ultimo è l’americano JJ, un musicista fallito che vive per il rock e la sua ragazza. Ma la sua band si è sciolta, e lei lo ha piantato.

Dopo una discussione accesa e stralunata i quattro aspiranti suicidi finiscono per scendere dal tetto, ma per le scale, e imprevedibilmente tutti insieme, uniti da un’intima complicità impensabile fino a qualche ora prima.

Poiché nello scenario incerto che ora si apre loro, il compito non facile di ricominciare a vivere dovrà essere affrontato, inevitabilmente, all’interno di un’improvvisata ed eterogenea comunità.

 

 

 

Definito dalla critica un libro spassoso e brillante, coinvolgente e ironico. Io non ne capirò nulla ma lo definisco noioso e per nulla travolgente.

Molto probabilmente il suo modo di scrivere o la trama stessa non mi ha affascinato ma sono riuscita a stento a finire il libro e, pur essendo contraria al buttare i libri, lo avrei fatto se non fosse stato che mi era stato prestato. Devo ammettere che anche la persona che me lo prestò rimase sbalordito del fatto che non mi fosse piaciuto.

Non so, non so spiegarlo, è stato un libro che non è riuscito ad appassionarmi, non sto dicendo che sia brutto ma sicuramente un libro di cui non ho sentito la mancanza quando ho voltato l’ultima pagina.

 

VOTO

images_Fotor

Pubblicato in: Musica

Facing the Music and Living to Talk about It

img_20200319_1733263147922176539951646.jpg

 

L’AUTORE

Nickolas Gene Carter is an American musician, singer and actor. He is best known as a member of the pop group the Backstreet Boys.

As of 2015, Carter has released three solo albums, Now or NeverI’m Taking Off and All American during breaks between Backstreet Boys schedules, and a collaboration with Jordan Knight titled Nick & Knight.

He has made occasional television appearances and starred in his own reality shows, House of Carters and I (Heart) Nick Carter.

He gained fame in the mid 1990s and early 2000s as a teen idol.

TRAMA

Nick Carter racconta le sue lotte con una famiglia disfunzionale e gli inimmaginabili rigori di diventare una pop star di successo internazionale all’età di 12 anni.

Dalla sua battaglia con la dipendenza da alcol e stupefacenti, da gravi complicazioni di salute e dolore della tragica morte di sua sorella minore, Nick non lascia nulla all’immaginazione e offre consigli sinceri per aiutare i lettori a superare gli ostacoli nella propria vita.

Nick Carter aveva solo 12 anni quando divenne famoso a livello internazionale come membro della boy band più famosa di sempre Backstreet Boys.

Mentre stava vivendo il sogno di un giovane musicista ovunque in studio e sul palcoscenico, c’era molto della sua vita dietro le quinte che ben presto ha portato all’autocreazione di un incubo.

Cresciuto in un’atmosfera di paura e abbandono, Nick ha portato con sé il caos della sua infanzia nella sua carriera, auto-sabotandosi attraverso l’abuso di alcol e droghe fino al punto in cui lui e il suo cuore sono quasi implosi.

Quando la lunga strada per tornare alla salute mentale, fisica e spirituale è stata interrotta dalla morte per overdose di sua sorella Leslie, Nick ha promesso di condividere con gli altri tutto ciò che ha appreso sul superamento delle sfide della vita, in particolare i comportamenti autolesionistici. Ciò che ne risulta è un raro libro di memorie che racchiude in sé ricordi profondamente personali con consigli costruttivi di aiuto per sostituire i comportamenti più dannosi e autolesionistici con nuove abitudini per recuperare e arricchire la propria vita.

 

Libro autobiografico misto a libro di autoanalisi e auto-aiuto. E’ strano leggere di questo passato burrascoso e poi relazionarlo al presente, alle foto di Nick su Instagram con la moglie e i figli. Però fa ancora più tenerezza adesso guardare le foto abbracciate ai suoi bimbi e pensare che lui li ama e vuole essere un buon padre, perché vuole che abbiano l’amore che lui non ha avuto o che ha avuto in maniera differente.

Da grande fan dei Backstreet Boys ho sempre seguito la loro storia e Nick è sempre stato il mio preferito: lascio immaginare la quantità di poster suoi appesi ai muri della mia cameretta. Naturalmente non mi è nuovo il suo passato di alcolista e di usufruitore di sostanze stupefacenti, allo stesso tempo però leggere le sue parole mentre racconta specifiche situazioni o momenti lasciano un po’ di stupore e anche un velo di tristezza.

Sono contenta che la sua strada sia totalmente cambiata e che la sua vita ora sia più serena, anche perché noi BSB fans vogliamo ancora urlare ancora: NICK TI AMOOOOOOOO!!  Vi sembra esagerato? Beh io l’ho fatto lo scorso giugno al loro concerto, dove sono andata a 32 anni, incinta di sei mesi e con un’amica pazza che non smetteva di piangere dall’emozione. Lo rifarei altre mille volte!

VOTO

4-Star-Rating1-1400x233

 

Pubblicato in: Classici, Libri per ragazzi

Storia di una Gabbianella e del Gatto che le Insegnò a Volare

Screenshot 2020-04-18 at 10.48.43
Per chi non lo ha ancora letto, lo può trovare su Amazon in diversi formati

L’AUTORE

Luis Sepùlveda è stato uno scrittore cileno.

Militante di Unità popolare, fu costretto a lasciare il paese in seguito al colpo di stato che mise fine al governo di Allende. Il suo impegno di militante ecologista lo spinse a partecipare a diverse missioni dell’organizzazione ambientalista Greenpeace.

Esordì nella narrativa con la raccolta di racconti Cronache di Pietro Nessuno (1969), cui sono seguiti Le paure, le vite, le morti e altre allucinazioni (1986) e Taccuino di viaggi (1987). Si impose definitivamente con il romanzo Il vecchio che leggeva romanzi d’amore (1989).

Tra gli ultimi romanzi ricordiamo: Ritratto di gruppo con assenza (2010), Ultime notizie dal sud (2011), Tutti i racconti (2012), Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico (2012), Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza (2013) e L’avventurosa storia dell’uzbeko muto (2015), Storia di un cane e del bambino a cui insegnò la fedeltà (2015), La fine della storia (2016), Storie ribelli (2017).

A fine febbraio 2020 viene ricoverato a Oviedo per aver contratto il coronavirus, a seguito di una lunga degenza muore il 16 aprile 2020.

 

gab2

TRAMA

I gabbiani sorvolano la foce dell’Elba, nel mare del Nord. ”Banco di aringhe a sinistra!!” stride il gabbiano di vedetta e Kengah si tuffa. Ma quando riemerge, il mare è una distesa di petrolio.

A stento spicca il volo, raggiunge la terra ferma, ma poi stremata precipita su un balcone di Amburgo.

C’è un micio nero di nome Zorba su quel balcone, un grosso gatto cui la gabbiana morente affida l’uovo che sta per deporre, non prima di aver ottenuto dal gatto solenni promesse: che lo coverà amorevolmente, che non si mangerà il piccolo e che, soprattutto, gli insegnerà a volare.

E se per mantenere le prime due promesse sarà sufficiente l’amore materno di Zorba, per la terza ci vorrà una grande idea e l’aiuto di tutti..

 

 

Un libro fantastico, una favola non solo per bambini, ma per tutti. Una storia emozionante, consigliato a chi ama le belle storie a lieto fine. Una favola che parla di lealtà, amicizia, generosità, coraggio, solidarietà e che arriva dritta al cuore.

È uno dei libri a cui sono maggiormente affezionata ed è senz’altro tra quelli che mi hanno dato di più.

VOTO

san-antonio-affordable-handyman-service-five-star-rating-heritage-property-preservation

 

gab

Pubblicato in: Libri per ragazzi, recensioni, Romantici

Breaking Dawn

5ccff04f93ea373890e111048899978259308004453.jpeg

L’AUTRICE

Famosa per la sua serie Twilight, la collezione di quattro libri di Stephenie Meyer ha venduto oltre 100 milioni di copie in tutto il mondo in oltre 50 paesi, con traduzioni in 37 lingue diverse.

Stephenie Meyer è stata l’autrice più venduto del 2008 e del 2009 negli Stati Uniti, avendo venduto oltre 29 milioni di libri nel 2008 e 26,5 milioni di libri nel 2009. Nel 2008, Meyer ha anche pubblicato The Host, che ha debuttato al primo posto nel The New York Times and Wall Street Journal bestseller lists. Inoltre, USA Today ha dichiarato Meyer Autrice dell’anno.

Tutti insieme, i suoi libri hanno trascorso oltre 303 settimane nella lista dei bestseller del New York Times.

Stephenie Meyer si è laureata alla Brigham Young University in letteratura inglese. Vive in Arizona con marito e figli.

TRAMA

Bella ha alle spalle un anno difficile, pieno di perdite, di conflitti, di tentazioni contraddittorie. Ora è al bivio decisivo: entrare nello sconosciuto mondo degli immortali, o continuare a condurre un’esistenza umana. Dalla sua scelta, dipenderà l’esito del conflitto tra il clan dei vampiri e quello dei licantropi.

Eppure, ora che Bella ha preso la sua decisione, sta per scatenarsi una sorprendente catena di eventi che cambieranno per sempre la vita di tutti coloro che la circondano.

Ma quando il tempo a sua disposizione sembrerà essere esaurito, e la strada da prendere già stabilita, Bella andrà incontro a un futuro dal quale non potrà più tornare indietro.

 

 

Capitolo finale della saga e non poteva che essere, secondo me, più spettacolare e pieno di colpi di scena.

Il capitolo decisivo che cala il sipario sulla storia tra Bella e Edward, e tiene con il fiato sospeso fino alla fine, con la costante domanda in testa: e adesso che succede? Ma restano insieme? Non mancano anche risate e momenti commoventi.

VOTO

san-antonio-affordable-handyman-service-five-star-rating-heritage-property-preservation

Pubblicato in: Attualità, Musica, recensioni

Trent’anni e una Chiacchierata con Papà

P0 (1)

L’AUTORE

Tiziano Ferro è un cantautore e produttore discografico italiano. Nel corso della sua carriera ha cantato anche in spagnolo, inglese, francese e portoghese.

Ha venduto oltre 15 milioni di copie nel mondo, prevalentemente in Europa e in America Latina, e nella sua carriera ventennale ha ottenuto numerosi premi, candidature e riconoscimenti tra i più importanti a livello nazionale e internazionale.

 

TRAMA

Tiziano Ferro ha quindici anni quando decide di confidare i suoi pensieri a un quaderno. È il diario di un ragazzino come tanti: la scuola, gli amici, i primi amori, la passione per la musica.

Fuori dal comune è invece l’intensità con la quale insegue il sogno di incidere un disco. E appena lo realizza fa centro.

Ma va tutto troppo veloce: insieme all’emozione dei concerti e allo stupore davanti ai fan, ecco, severe come brutti sogni, la solitudine dei viaggi e delle camere d’albergo, e la paura di non essere all’altezza.

È come se da quel momento Tiziano avvertisse una continua spaccatura: da una parte la messa a fuoco del proprio talento, la collaborazione con le più grandi star italiane e internazionali, i riconoscimenti – del pubblico, della critica, dei colleghi –, la folla dei fan, dall’altra la percezione di una inedita solitudine, di una indomabile nostalgia, la lontananza dalla famiglia (soprattutto da Flavio, il fratello) e dagli amici di Latina.

Niente pause. Niente stanchezza. Mai. Come il più sensibile dei sismografi, Tiziano registra fedelmente, in questo diario, emozioni e stati d’animo.

Con dolente sincerità, e al contempo curiosità, senso dell’umorismo e allegro disincanto, racconta l’altra faccia del successo e anche di sé, senza paura di svelarsi fragile, di mostrare zone d’ombra, contraddizioni, inquietudini. In fondo a questo lungo, appassionato colloquio con se stesso e con il suo pubblico, c’è forse una nuova consapevolezza.

Una confessione toccante e sincera di una star che non dimentica di essere prima di tutto Tiziano.

 

 

Toccante per alcuni versi, molto intimo e pieno di combattimenti emotivi. Questo libro mostra un Tiziano Ferro diverso da come siamo abituati a vedere in Tv o ascoltare alla radio, fa capire il perché, a volte, del significato dei suoi testi malinconici o tristi. Racconta l’altra faccia della medaglia del successo con alla base un ragazzino che inizia questo mestiere già pieno di complessi personali e che rischia di affogare nel successo invece che uscirne fuori più forte.

Sicuramente dal punto di vista intimo, personale è molto intenso e anche coraggioso nel mettere a nudo determinati momenti e pensieri privati, d’altro canto però la pubblicazione di quaderni, diari in quanto tali, risulta a mio avviso un pò lento e noioso.

Devo anzi dire di essere rimasta delusa: ho amato Tiziano Ferro sin dai suoi esordi, ricordo ancora la prima volta che ascoltai Xdono e la prima volta che lo vidi a Top of the Pops, per parlare dei suoi poster appesi nella mia cameretta. Ho voluto leggere questo libro dal primo momento che uscì nelle librerie e ho avuto la possibilità solo adesso, e forse la mia delusione è anche dettata da tutta questa attesa. Non so, fatto sta che mi aspettavo molto di più.

 

VOTO

voting-concept-rating-two-golden-stars-d-render-illustration-white-background-60907242

 

 

Pubblicato in: Libri per ragazzi, recensioni

Dead Wrong

img_20200408_1051391155731885814332614.jpg
Su Amazon a £6.50

L’AUTRICE

L’autrice di bestseller di USA Today, Leighann Dobbs, ha scoperto la sua passione per la scrittura dopo una carriera ventennale come ingegnere del software.

Vive nel New Hampshire con suo marito Bruce, il loro fidato mix di Chihuahua Mojo e il bellissimo gatto di salvataggio, Kitty. Quando non legge, fa il giardinaggio, fa gioielli o vende oggetti d’antiquariato, le piace scrivere misteriosi libri storici e romantici.

Il suo libro Dead Wrong ha vinto il premio “Best Mystery Romance” alla Indie Romance Convention del 2014.

 

TRAMA

C’è più di un segreto nella vecchia casa di Blackmoore. Alcuni sono stati seppelliti per lungo tempo e alcuni sono seduti più vicino alla superficie.

Morgan e Fiona Blackmoore godono della loro vita semplice nella sonnolenta cittadina sull’oceano di Noquitt Maine, dove offrono rimedi erboristici e cristalli curativi sia per la gente del posto che per i turisti. Fino a quando Morgan non viene accusata di aver ucciso la megera della città, Prudence Littlefield.

All’improvviso le ragazze si ritrovano a cercare il vero assassino mentre combattono contro uno sceriffo storto, le prove piantate e un lungo elenco di sospetti che tutti avevano un motivo per volere che Prudence morisse.

L’affascinante Jake Cooper è nuovo alla forza di polizia di Noquitt Maine, motivo per cui Fiona Blackmoore non si fida di lui. Ma con il tempo che si sta esaurendo e le prove contro sua sorella che si accumulano, Fiona deve fare una scelta: si fiderà di Jake nel caso… e nel suo cuore?

Aggiungi una vecchia dimora sulle scogliere del Maine, una soffitta piena di misteriosi tesori e un gatto che ha la straordinaria capacità di presentarsi esattamente al momento giusto e Fiona ha le mani piene a dimostrare le accuse dello sceriffo sul fatto che sua sorella sia assassina sono completamente sbagliate.

Dead Wrong è il primo di una serie di libri sulle Blackmoore Sisters.

 

Un giallo leggero, fresco e giovanile, con accenni magici e un pizzico di romanticismo. Sono rimasta piacevolmente colpita dalla storia semplice ma pur sempre accattivante che non svela il finale dal primo. momento ma lascia intendere possibili scenari.

Da leggere di sicuro anche gli altri libri della serie.

VOTO

san-antonio-affordable-handyman-service-five-star-rating-heritage-property-preservation

Pubblicato in: recensioni, Romantici

Una Cenerentola a Manhattan

cenerentola|_newyork

L’AUTRICE

Felicia Kingsley è nata nel 1987, vive in provincia di Modena e lavora come architetto. Matrimonio di convenienza, il suo primo romanzo inizialmente auto-pubblicato, ha riscosso grande successo in libreria con Newton Compton ed è diventato il secondo ebook più letto del 2017. Stronze si nasceUna Cenerentola a Manhattan e Due cuori in affitto sono stati nella classifica dei bestseller per settimane. La Newton Compton ha pubblicato anche La verità è che non ti odio abbastanza.

 

TRAMA

“Un paio di scarpe possono cambiarti la vita” è una frase che non ha mai convinto Riley, e i colpi di fulmine per lei sono sempre stati e rimangono un fenomeno atmosferico.

Orfana da quando aveva dieci anni, a ventisette ha tutt’altro a cui pensare: una matrigna succhia-soldi che le inventa tutte per ostacolarla; due sorellastre aspiranti web star, sempre impegnate a tiranneggiarla; tre lavori che deve fare per riuscire a vivere nella Grande Mela; e, per non farsi mancare nulla, il romanzo a cui sta lavorando da due anni e che sogna di poter pubblicare.

Ma a New York le occasioni sono dietro l’angolo e un galà in maschera a Central Park potrebbe rappresentare il trampolino perfetto per realizzare il suo sogno. Quello che Riley non ha considerato è che a una festa del genere si possono fare anche incontri inaspettati.

E proprio per colpa di uno speciale paio di scarpe si ritrova, proprio lei, da un giorno all’altro, a diventare la protagonista della favola più romantica di sempre nella città dove tutto può succedere.

 

Accattivante, coinvolgente, intrigante. Questo libro trascina il lettore nell favola di Cenerentola 2.0, con quel giusto pizzico di ironia, romanticismo e sensualità. Una volta iniziato a leggere è difficile staccarsi dalle sue pagine, sembra travolgerti fino a farti vivere le emozioni dei personaggi.

VOTO

san-antonio-affordable-handyman-service-five-star-rating-heritage-property-preservation

 

 

 

Pubblicato in: Libri per ragazzi, recensioni, Romantici

Eclipse

eclipse - twilight #3 - stephenie meyer1708718368849180429..png

 

L’AUTRICE

Famosa per la sua serie Twilight, la collezione di quattro libri di Stephenie Meyer ha venduto oltre 100 milioni di copie in tutto il mondo in oltre 50 paesi, con traduzioni in 37 lingue diverse.

Stephenie Meyer è stata l’autrice più venduto del 2008 e del 2009 negli Stati Uniti, avendo venduto oltre 29 milioni di libri nel 2008 e 26,5 milioni di libri nel 2009. Nel 2008, Meyer ha anche pubblicato The Host, che ha debuttato al primo posto nel The New York Times and Wall Street Journal bestseller lists. Inoltre, USA Today ha dichiarato Meyer Autrice dell’anno.

Tutti insieme, i suoi libri hanno trascorso oltre 303 settimane nella lista dei bestseller del New York Times.

Stephenie Meyer si è laureata alla Brigham Young University in letteratura inglese. Vive in Arizona con marito e figli.

 

TRAMA

Mentre Seattle è funestata da una serie di strani omicidi e una vampira spietata continua a darle la caccia, Bella si trova ancora una volta in serio pericolo.

È arrivato per lei il momento delle decisioni e dei sacrifici: basterà il fidanzato Edward a farle dimenticare il migliore amico Jacob? Troverà il coraggio necessario a diventare una Cullen?

Obbligata a scegliere fra l’amore e l’amicizia, è consapevole che la sua decisione rischia di riaccendere la millenaria lotta fra vampiri e licantropi.

Nel frattempo l’esame di maturità è alle porte e per Bella il momento della verità si avvicina.

 

 

Terzo capitolo della saga, Eclipse ci conduce verso l’epilogo della storia d’amore di Bella ed Edward. Il romanzo come gli altri della saga è coinvolgente. La lettura è sempre scorrevole e intrigante.

Vengono approfondite le storie dei componenti della famiglia Cullen e raccontata nei dettagli la battaglia finale, mettendo in secondo piano la storia d’amore dei due protagonisti.

A distanza d’anni rimane sempre una piacevole lettura, così come i capitoli precedenti.

VOTO

san-antonio-affordable-handyman-service-five-star-rating-heritage-property-preservation